Scritto di notte, Ettore Sottsass

Tags: , , , , ,

Scritto di Notte

Scritto di Notte

Scritto di notte non è solo un racconto autobiografico. E’ anche l’insieme di pensieri che reclamano uno spazio culturale profondo. Pensieri sulle parole, ad esempio, che vanno curate e rispettate. Sulla televisione, strumento abusato. Sulla politica ignorante che non conosce alternative alla guerra. Sulla guerra che non può essere la soluzione. Sui discorsi che invece hanno in sé le tecniche delle soluzioni. Sulla vita, luogo affollato di addii necessari. Sulla violenza che viene usata da chi ha paura, alla fine. Sui libri, che è meglio leggerli, non si sa mai. Sulla infelicità di dover partecipare ad alcune cretinerie per formalità. Sull’integralismo illusorio di voler salvare il mondo. Sull’amore platonico per la montagna e il mare. Sulla sensazione di vivere in un mondo volgare, violento, traditore. Ma soprattutto volgare.

L’autore è Ettore Sottsass, architetto del design contemporaneo. Una vita straordinaria, la sua. E l’ha vissuta come una specie di isterismo soltanto perchè c’era, la vita. Mai un programma che ricomprendesse il futuro.

Il suo racconto, a episodi sparsi, senza un preciso ordine pensato, copre quasi tutto il novecento. Tutti i suoi novant’anni. Sembra che le cose gli accadono dal nulla. I maestri speciali, la guerra, il matrimonio, la malattia e la guarigione, i viaggi in un’epoca non ancora rappresaglia del turismo di massa, i personaggi che contavano e quasi snobava, le donne, l’amore. Non inseguiva l’arte lui, neppure l’eternità. La sua grandezza è stata la ricerca del provvisorio, trovare figure adatte al momento che poi sarebbero state invase da altre figure.

Una buona scrittura, quella di Ettore Sottsass. Morbida. Silenziosa. Si sente l’intimità della notte.

Ti piace l'articolo? Iscriviti ai nostri Feed!

Autore: Vita Marinelli

Condividi Articolo su

Invia un Commento

Pin It on Pinterest

Share This